Attenzione!!Pericolo discarica a Rezzato!!

Pubblicato: marzo 9, 2013 da sanaer in Articoli
Tag:, , , , , , ,

buffalora_ambiente3Pubblichiamo volentieri la lettera, firmata da 119 persone, inviata dalla mamme di Buffalora alla Regione, alla Provincia, ai comuni di Rezzato, Castenedolo e Brescia, all’asl e all’Arpa in merito al progetto di trasformare in discarica la Cava Castella. Il progetto prevede lo smaltimento in otto anni di 1,6 milioni di metri cubi di rifiuti non pericolosi e un impianto per la produzione di biogas. Il progetto ricade in un territorio su cui gravano già innumerevoli criticità come due bitumifici con relative emissioni (uno verrà costruito nelle vicinanze dalla nuova discarica), una discarica di rifiuti tossici di cui deve essere terminata la messa in sicurezza (la VePart, ex Ecoservizi), la discarica Piccinelli contenente scorie radioattive (messa recentemente in sicurezza ma di cui è impossibile prevedere i tempi bonifica), il peso delle emissioni di tangenziale e autostrada, il vicino cementificio di Rezzato, la vicina discarica di Amianto di via Brocchi (ancora sotto sequestro). Il 15 marzo si terrà la conferenza dei servizi in cui i comuni e i comitati presenteranno un dossier per bocciare il progetto della discarica.

Le mamme dei ragazzi e bambini frequentanti la scuola media, elementare e materna di Bettole/Buffalora, preoccupate per la salute ed il futuro dei propri figli a fronte della possibile autorizzazione della
DISCARICA CASTELLA
(Comune di Rezzato, località cascina Castella)
inviano la seguente lettera:

Fino a qualche anno fa la Castella era per i nostri ragazzi un’interessante cascina da visitare con le maestre perchè ricca di storia romana, longobarda, medioevale, ecc. ed anche per le colture, gli allevamenti, la transumanza delle greggi, per i suoi diversi aspetti nei cicli stagionali.
Ora la cascina, nonostante il suo valore storico, è stata abbattuta!
E quando a Bettole/Buffalora si parla della Castella gli abitanti sono preoccupati e arrabbiati, perché è previsto che quella parte di campagna fertile diventi una discarica di rifiuti putrescibili.

Questo terreno si trova a poche centinaia di metri dalle nostre abitazioni, dalla scuola elmentare, scuola media e materna, dalla palestra comunale.
Qualcuno sostiene che la norma sulla distanza minima sia rispettata (ma di stretta misura), noi poniamo con forza alle autorità competenti le seguenti domande.

Davvero pensate che qualche metro di differenza possa eliminare l’impatto ambientale e i disagi derivanti da un bacino di raccolta di tali rifiuti?
Noi dovremo sempre rimanere a distanza di sicurezza?
Chi comanderà all’aria di rispettare le distanze e di girare altrove e non portarci puzza e veleni nel quartiere?
Quindi da quelle parti non si può andare più né a piedi, né a portar fuori il cane, né a girare in bici?
Come alternativa percorriamo strade provinciali o tangenziale?
E il traffico di rifiuti non ha conseguenze?

Dunque, porteremo i nostri ragazzi ad osservare come si può trasformare la campagna in una landa maleodorante e come un pezzo di territorio, già compromesso da tante fonti di inquinamento, viene ulteriormente degradato, senza alcun rispetto per il diritto alla salute dei cittadini e nel disinteresse degli amministratori.

le mamme di Buffalora

qui di seguito l’articolo del Bresciaoggi che parla del sopralluogo fatto il 7/3
http://www.bresciaoggi.it/stories/Home/480457_discarica_castella_ora_il_no_si_organizza/?refresh_ce&scroll=2000

qui il progetto presentato in regione
http://silvia.regione.lombardia.it/silvia/jsp/schede/schedaSintesi.jsf?idProcedura=030100000950&titolo=V.I.A.%20Regionali

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...